La Linea dell'Inutile

Trattografia di uno psicopatico !!!

Posted in the thing by maurozz on dicembre 23, 2009

Oddio !!! Ho scoperto perche’ mi hanno fatto fare la risonanza trattografica !!!

L’articolo completo da Panorama e’ qui, ma lo stralcio lo riporto qui sotto … GASPP & GULPPP !!!

— inizio stralcio —

Lo scorso agosto Catani, insieme con alcuni collaboratori, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo che ha fatto molto discutere: vi si ipotizza che alla base di alcuni disturbi psicopatici, come la serialità negli omicidi e negli stupri, vi sia un difetto di connessione tra l’amigdala, il centro della paura, e la corteccia orbitofrontale, che governa le decisioni consapevoli. «Già si ipotizzava che vi fosse un mancato collegamento tra queste due strutture, ma nessuno l’aveva dimostrato nei criminali» racconta Catani. «Lo abbiamo fatto noi, con una tecnica chiamata trattografia con risonanza magnetica (in sigla Dt-Mri), che permette di visualizzare i fasci di fibre che collegano un’area del cervello all’altra. E abbiamo scoperto che c’è una marcata riduzione nel numero dei collegamenti negli psicopatici, se confrontati con persone sane della medesima età. Senza lo studio delle connessioni non avremmo mai potuto dimostrare che il cervello di un killer seriale è diverso da quello di un individuo sano, perché l’alterazione non è riscontrabile a livello macroscopico o funzionale e non si vede con la risonanza normale».

— fine stralcio —

Tagged with:

Ciclo di Attesa

Posted in the thing by maurozz on novembre 18, 2009

Ieri e’ stato il compleanno di “the thing“, ha compiuto 3 settimane; non ricordo lo shock del momento della  nascita perche’ avevo un mal di testa da spaccare pietre. E mentre veniva al mondo io me ne sono fuggito al bar all’angolo, triste esempio di integrazione cinese, dove una solitaria brioche Bauli (nella sua bella carta) mi attendeva … unico possibile rifocillo insieme a un the improbabile. E al bimbo incolpe della coppia cinese giovane. Incolpe si, pero’ con il pianto ultrasonico … arrrrghh !!!

Ho ritenuto quindi di invitare oggi a colazione Monsieur Jacques de La Palice, per fare due chiacchiere e provare un punto della situazione. Cortesemente, ha lasciato la sua eterna dimora distrutta dai Giacobini e mi ha raggiunto.

Tre settimane sono splendidamente lunghe se le passi alle Maldive, languidamente lunghe se le passi in montagna e orrendamente lunghe se le passi in ospedale, ma tutto sommato non sono nulla rispetto all’infinito (qui Jacques mi ha dato una mano).

In queste 3 settimane sono stato in un perenne ciclo di attesa, niente di piu’ e niente di meno, inutile farla tanto grossa.

(more…)

San Raffaele e la trattografia dei 500

Posted in the thing by maurozz on novembre 9, 2009

semi-r27

Dalla presentazione dell’Ospedale San Raffaele sul sito ufficiale: “… l’ala del San Raffaele vola e vi accoglie con il suo nuovo concetto di medicina e di ricerca scientifica: il concetto umano.”

Poi arrivo io per la mia bella trattografia.

Ma noi pensavamo arrivasse da ricoverato !

Anch’io, ma mi hanno dimesso anzitempo proprio per fare ulteriori test e esami, stante l’inutilita’ del permanere ai Riuniti di Bergamo a non fare nulla tutto il giorno.

Quindi non ha fatto l’accettazione.

No, mi hanno detto (anzi scritto) di venire direttamente qui, in U.O. Neuroradiologia, Sala Attesa Numero 4. E’ confermata l’esecuzione dell’esame ?

Si, si … pero’ mi faccia vedere l’impegnativa. OHHH, ma qui c’e’ un errore ! Deve farla rifare altrimenti paghera’ 500 euro di prezzo pieno anziche’ il solo ticket … la dicitura esatta deve essere Risonanza Magnetica Encefalo con Profilo Trattografico, cosi’ potra’ pagare il solo ticket e non il prezzo pieno.

Ma devo tornare ai Riuniti per farla fare corretta ?

No puo’ provare anche con il suo medico curante.

Grazie, provvedero’.

Comincia l’attesa, una famiglia di Bologna mi precede, da una rinoplastica sono purtroppo passati a qualcosa di piu’ serio … una coppia pugliese che ha viaggiato tutta la notte mi segue, non indago sul perche’. In mezzo un uomo zoppicante, che vedo infilato nella macchina mentre io me ne vado. Umanita’ varia anche qui, nei sotterranei corridoi sferraglianti di carrelli dell’Ospedale San Raffaele del Monte Tabor, tempio della sofferenza (lo slogan e’ vero, stampato un po’ ovunque).

E quella odiosa, fastidiosa, anonima spocchietta milanese, che forse agli happy hour puoi anche sopportarla … ma in un ospedale no. Cosi’ la receptionist, che lavora circa 15 minuti ogni 60 e poi sparisce chissa’ dove, mi va subito in acido, anche se devo forse a lei il fatto di aver la chance di non dover pagare le 500.

Uscito dalla macchina Philips piuttosto rilassato (le cuffie antirumore non sono mica una brutta idea) mi viceversa affanno a capire come e quando recuperare i referti … deve tornare tra una settimana con il modulo che ha ricevuto all’accettazione … ma io non l’ho fatta l’accettazione … ah no ? come mai ? … perche era previsto arrivassi da ricoverato … ah gia’, allora venga che le do io il codice con il quale fara’ l’accettazione con l’impegnativa corretta e contestualmente ritirera’ i referti … grazie.

Non ci faccio caso subito … in basso a destra: costo totale 222.080,00 (gasp !)

Un lordoso bar interno, gestito da strani zombie, mi rifocilla per l’impasticcamento, e poi finalmente goodbye, inclusi i 10 euri di parking.

E una stramaledetta mappa dell’ospedale mettetela sul sito !!! Cribbio, ce l’hanno addirittura i Riuniti di Bergamo !!!