La Linea dell'Inutile

Giovanni Sollima – Spasimo @sentiselvaggi

Posted in musica by maurozz on maggio 25, 2013

2013-05-25-394 (2)

Bello.

Sentieri Selvaggi – Gran Bretagna

Posted in musica by maurozz on giugno 23, 2011

Matti. Completi.

Lesti. Sonanti. Rock. Gessati. Neri. Moderni. Gregoriani.

Circolari.

Quasi Dropkick Murphys, con un zic di Kultur Shock.

Capitani, coraggiosi.

Ma l’ottvavino NO … ve ne prego.

Sentieri Selvaggi – Moritz Eggert

Posted in arte, musica by maurozz on maggio 10, 2011

Se il tiolo del CD suona, con traduzione piuttosto libera, come “ … tutti gli arrosti, le cotolette, gli gnocchi di speck e le sinfonie di Mozart …” qualche cosa di non convenzionale ci deve essere.

E l’anticonformista che c’e’ in me si risveglia dal sonno lungo dell’inverno dell’anima [cit. ma non ricordo piu’ da dove, in ogni caso e’ una frase talmente da pirla che non importa].

Freschissimo sostenitore conoscitore di Sentieri Selvaggi, gruppuscolo di pazzi che opera nella nicchia della musica classica contemporanea, accorro presto al concerto di questo mezzo tracaggno tedesco in trasferta in Italia. Si vedono frullatori, palline da ping-pong, carote e coltelli, pistole e pianoforti. Il principe De Curtis addirittura. Caos, con ordine taetrale, alla tedesca si direbbe.

Dal quale pero’ mi allontano godurioso a fine serata. Compro il CD all’uscita, lo infilo nella bocca e il Mozart iniziale mi addormenta secco. Ma passa, e arriva Amade’ Amade’, composizione originale written by Eggert.

E allora Moritz diventa il mio idolo.

Sentieri Selvaggi al buio

Posted in musica by maurozz on aprile 16, 2011

Se deve essere al buio allora che buio sia; e se il pubblico al buio  non puo’ rimanere per via della solita leggina italiota allora mettiamo al buio i musicisti, che mi pare gia’ impossibile che suonino queste cose senza partiture.

Un telo nero davanti ?

Il mio battesimo con Sentieri Selvaggi era un’idea bella pesa, sala al buio e musicisti al buio. Ma non era buio davvero e credo di avere perso molto dell’effetto che Georg Friedrich Haas voleva.

Poco male, vediamo come continua questo “europe show“.

Spectral music …