La Linea dell'Inutile

Ristorante Daniel – Milano

Posted in food by maurozz on dicembre 26, 2013

DANIEL_CANZIANColin Farrell. Di certo non a quello dei Pooh. Comunque a qualcuno assomiglia questo Daniel Canzian. Secondo me e’ Colin Farrell. E poi perche’ deve comunque esserci un #pirla al tavolo che dice la cosa piu’ ovvia e inutile (quella dei Pooh) anche se tutti sanno che e’ ovvia e lui sa che tutti sanno che e’ ovvia ?

Con Colin Farrell ho appena visto “Sette psicopatici” e quindi secondo me lui assomiglia a Colin Farrell, peraltro l’unico non psicopatico del film.

Il sito, ecco, il sito web pare invece essere opera di uno psicopatico moderato, che abbia concluso l’opera prima di cominciarla, incapace di rimandare in un sito web una filosofia di cucina di non facile lettura. Che di primo acchito lascia un po’ li’.

Il sottotitolo di “Cucina Italiana Contemporanea” non giova, spostando le aspettative la’ dove in realta’ non servirebbe, e predispondendo a una mezza delusione quando non sembra essere il caso. Non allarmino i cromatismi del sito stesso, che sul posto risultano meno spigolosi e invadenti e che, insieme a spaziature dei tavoli importanti, permettono cene tranquille e piu’ o meno a prova di urlatori di professione. O cafoni. (more…)

Delvuoto – Milano

Posted in food by maurozz on novembre 7, 2013

Il suo nome era … Cerutti Gino ma lo chiamavan Drago, gli amici al bar del Giambellino dicevan che era un mago”. Nel recente gioco di ruolo (ehm …) business il gruppo in cui ho “lavorato” ha deciso che il suo supereroe fosse un tale Cerutti Gino e il suo mezzo una bici anche un po’ scassata. Combatteva, il Gino, il superingegnere che aveva trovato un metodo semplice per arginare il consumo delle risorse sul pianeta. Semplice ma un filo drastico. (more…)

Tagged with: , ,

“… e sentirete sapore di cacao” – Ristorante Unico – Milano

Posted in food by maurozz on agosto 25, 2013

— antichissimo post, rimasto in draft per grave dimenticanza —

Benvenuto dalla cucina  … “Qui abbiamo ics e ipsilon, qui zeta e qui una quinoa di cacao e sesamo nero, quindi … sentirete sapore di cacao” E ridacchia pure … Dai su non fare il solito bauscia, non ti puoi arrabbiare per cosi’ poco, anche perche’ il sorriso guaglione di chi ti porta da mangiare chiama piu’ il buffetto che la piccata madonna meneghina, pure in vista.

Pero’ ti puoi irritare perche’ la prenotazione non c’era, anche se loro ti hanno risposto con un’email di conferma (la guardi secca la gentile signorina, scatti al telefono per mostrare la prova ma non serve, ci accomoda lo stesso). Oppure ti puoi un po’ stranire per un atrio di ingresso enorme, freddo, piombo e fantasma e varchi da impiegato con cui discutere … ma ci pensa la corsa in verticale fino alla cima del nostro piccolo empire state building a farti dimenticare una certa laboriosita’. Poi la moquette: Fabio Baldassarre. Toni marrone scuro, lamine blu all’esterno, cucina a vista che schizza oro, scintille e lindore. (more…)

Al Quinto Piano – Milano

Posted in food by maurozz on aprile 8, 2013

C’e’ stato un tempo in cui entrare in un ristorante per primo mi metteva un po’ di ansia. Poi c’e’ stato un tempo in cui non mi faceva effetto. Poi c’e’ adesso, che ‘ un periodo in cui entro volentieri in un ristorante per primo e mi metto a guardare a zonzo come un ispettore dell’igiene in libera uscita. Senza rompere le palle ma con chiaro atteggiamento da rompiballe. (more…)

Erba Brusca – Milano

Posted in food by maurozz on marzo 26, 2013

“Ma perche’ ma perche’ ma percheeee’ … ma perche’ non facciamo l’amore, garantisco e’ il sistema migliore …” e poi non me la ricordo piu’. E’ un vecchio pezzo, che era gia’ piuttosto usato quando io ero giovane. A parte le ovvie turbe giovanili non so perche’ mi sia rimasto in mente ma so perche’ mi e’ venuto in mente dopo il dessert.

La povera torta di mele all’olio di oliva, buona e scivolevole di suo perche’ non troppo dolce, sacrificata sull’altare di una glassa all’acero di poco o nessun senso. Che naturalmente ha riportato il tasso glicemico alle stelle e il proprio aspetto a quello della panna in bombola (“Spraypan” mi pare), quella che spruzzavamo direttamente in bocca (e vai di turbe). (more…)

Maso Cantanghel – Civezzano (TN)

Posted in food by maurozz on febbraio 18, 2013

(in canna da tempo)

L’olio, mi ricordo l’olio e il gelato, e anche la polenta. Ma anche dell’inutilita’ delle ghette mi ricordo, giacche’  il “topo volpino” sciancato e un po’ orbo non e’ venuto e non mi ha posseduto la gamba. Poi nient’altro. Anche la ribolla del povero Podversic soffre, servita nelle coppe dell’affogato al caffe’, forse utili per un sacrificio di vergini …  ma un filo dispersive per una ribolla che fermenta sulle sue belle bucce e alla fine decide di uscire dalla cantina. Per finire giustiziata cosi’, senza onore.

Le guide gastroculinariefoodie sono bellissime, a volte pero’ “rovinano” un locale.

Qui si sarebbe mangiato benissimo, se le aspettative non fossero state portate cosi’ in alto da un triplo crostaceo (rosso) inspiegabile. Forse il fascino del posto ? (che e’ proprio bellino). Forse la cortesia del servizio ? “Ni”, questa direi di “ni”. Forse il pane ? No nemmeno questo. (more…)

Trattoria del Nuovo Macello – Milano

Posted in food by maurozz on gennaio 2, 2013

E qui si mancava da un po’, da un bel po’. Talmente un po’ da non ricordarsi nemmeno da quanto po’. Le ipotesi di “infighettamento” del posto si infrangono mentre commento soavemente agro con i commensali … e la signora di sala mi ascolta (forse) paziente. A volte rifletto: chissa’ cosa pensano quando vedono le facce di chi entra nei loro ristoranti. Questo e’ simpatico, questa e’ una natura morta, questo e’ uno s@*_-zo … io spero che entrando in un locale di me pensino: questo e’ un rompicoglioni.

Se leggessi questo pensiero negli occhi dei signori di sala mi sentirei davvero a mio agio, ancora piu’ a mio agio che nel  trovare il parcheggio fronte porta. Come ho trovato qui per altro. (more…)

Tagged with: ,

Mr. Loba Loba: Andrea Berton

Posted in food, musica by maurozz on dicembre 5, 2012

(in canna da una vita, adesso che la separazione pare consumata con soddisfazione per le parti ripropongo con piacere)

“Tres Hombres” e’ un album del combo trio blues-rock ZZ Top. Data circa 1973 e l’interno della copertina dell’LP e’ uno spettacolo di colori forti in primissimo piano … cioe’ una montagna di cibo tex-mex, con birra al seguito. Nient’altro, non una scritta, niente, solo e soltanto cibo colorato, grasso e unto. Mi sono tornati in mente gli ZZ Top per una sensazione con lento e lunghissimo persistere dell’acqua al pomodoro di un piatto di Andrea Berton. Il pezzo era Brown Sugar e la nota di chitarra moriva lenta ma lenta ma proprio lenta. Il piatto invece e’ la capasanta cruda (le capesante mi perseguitano) con limone salato, noce moscata, acqua di pomodoro e sfera di ricotta. L’acqua di pomodoro e’ quasi gia’ morta mentre ti ingegni a capire come si mangia questo affare ma quando hai finito lei e’ sempre li’. Tenue. Che aspetta solo un sorso di acqua minerale per riattaccare in tutta la sua ferocia. Esagerato ? No no, riattaccava anche la chitarra. (more…)

La Crepa – Isola Dovarese (CR)

Posted in food by maurozz on maggio 6, 2012

Tre bambini deficienti in macchina (uno con la patente)  inventano il giro turistico del cremonese, macabro, ma che serve a superare la noia del paesaggio lento e monopiatto.

Ci sono queste porcilaie in zona (che poi non ne ho vista nemmeno una), i turisti vengono caricati direttamente in aeroporto e con un bus fanno un giro tra queste porcilaie. L’ultima mette in palio il viaggio stesso e se stendi un maiale al mattatoio con l’opportuna pistola sparachiodi fai il viaggio gratis. E’ una sciocchezza da bambini dementi e trogloditi ma almeno quando mangi il salame (in regalo anche quello) sai chi c’e’ (c’era) dentro.
La tradizione e’ anche questo, con rispetto infinito per il sempre amato JS Foer. (more…)
Tagged with: ,

I pirla @dissapore

Posted in food by maurozz on novembre 14, 2011
Tagged with: