La Linea dell'Inutile

I quattro DVD del week-end

Posted in cinema by maurozz on novembre 16, 2009

vodka_lemon

Vodka Lemon vince la garona DVD del week-end. Attempata e delicata storia d’amore in salsa armeno-cimiteriale, con la grande mamma Unione Sovietica ormai a pezzi, riesce a non stancare nonostante il ritmo lento e suadente. Non succede granche’ in effetti, ma il paziente e timido avvicinamento dei due vedovi, non in eta’ sbarazzina, e’ commovente. L’autobus galeotto (maledetta USSR !, adesso tocca pagarlo l’autobus …) e il relativo autista aggiungono il touch francese che giustifica il tentativo poetico. Neanche qualche sprazzo di machismo testosteronico middle-asiatico infastidisce. Fotografia eccezionale nella sua uniformita’: neve e cielo azzurro. E sempre due sedie nella neve nella notte, cosi’, per parlarsi, fumare una sigaretta e pensare ai figli in cerca di fortuna.

Il Calamaro e la Balena … e’ vero che vince Vodka Lemon, ma qui si sgomita un bel po’. Matrimonio alla fine senza scosse, figli, gatto e lezioni di tennis da gestire. Premessa non esaltante. Ma un Jeff Daniels ispirato e molto barbuto tira fuori una interpretazione convincente e parecchio downtempo, trascinando il resto della ciurma. Storia parzialmente autobiografica del regista Noah Baumbach. Ti lascia li’ cosi’ alla fine: con la convinzione che le cose giuste fanno fatte.

Pane e Tulipani … mah !!! … favoletta di evasione dalla mezza eta’ familiare. Sta in piedi piu’ per Bruno Ganz e relativo strambo personaggio incastonato in una Venezia non dark ma nemmeno cosi’ kitsch. Lasciato in background per preparazione cena.

The Big Lebowski. Ovviamente fuori concorso. Rivisto bene. Capolavoro di assurdita’ con i piedi per terra … Turturro con il suo paio di gemme … e un Jeff Bridges cosi’, quando mai lo ritrovi ?

Ladykillers

Posted in cinema by maurozz on novembre 14, 2009

2004_the_ladykillers_005

Parte maledettamente, educatamente gospel southern … che non c’e’ proprio chance possa non piacermi. Chiatta portarifiuti su Mississippi placido e tranquillo. Stazione di polizia. Mami nera di turno.

La commediola, che se non proprio nera un po’ grigia definirei, continua cosi’, con un Tom Hanks raffinatissimo professore impostore di lingue morte in mantello chiaro (southern dandy lo definisce una ispirata wikipedia), la solita band di “mal tra’ insema” e il colpo del secolo al casino’. Remake del 2004 di un originale del 1955. Dei fratelli Coen.

Nebbiolina sul ponte, auto Renault (mi dicono da Yahoo ! Answers) simil carro funebre.

Rimane delicatissisma la storia, con l’arte oratoria di Tom il professore a matare il tutto.

Ma il personaggio e’ il tuttofare Garth Pancake, esperto di esplosivi affetto da sindrome del colon irritabile. Cronica.

La storia non finira’ neanche male, a ben vedere.

Tagged with: ,

O Brother, Where Art Thou?

Posted in cinema by maurozz on novembre 12, 2009

Semplicemente e assurdamente bello. Surreale non lo scrivo perche’ e’ gia’ scritto ovunque.

Se ne volete sapere di piu’ fatevi di wikipedia, a me bastano i Soggy Bottom Boys capitanati da George Clooney che attaccano I’m a Man of Constant Sorrow, l’invereconda puzza di deep southern che esce dallo schermo, il KKK ridicolizzato, e il virato seppia. Ah gia’: anche la radio e il venditore di bibbie sguercio.