La Linea dell'Inutile

Ristorante Macelleria Turba – Rivolta d’Adda (CR)

Posted in food by maurozz on febbraio 9, 2015

Intanto un bel 7+ per aver resistito all’idea (ma magari neanche) di chiamarla Antica Macelleria qualchecosa, che ne abbiamo un po’ pieni i maroni di tutta sta anticaglia nuova di pacca.

Ooooppppssss, ho letto la pagina Facebook solo dopo….. 🙂

Poi un bel 5/6 (si legge "dal cinque al sei") per incoraggiamento per il sito web, invero poco guardabile; allo stesso livello del sito potrebbe esserci il colore della tinteggiatura interna ma toccherebbe poi un voto anche alla foto non foto della parete di fondo. E poi son gusti.

Quindi piantiamola con i voti, che anche se e’ domenica io non sono Gianni Mura (lo so, lo so). (more…)

Ristorante Berton – Milano

Posted in food by maurozz on settembre 26, 2014

vacca piccolaTre ore dopo essermi seduto mi alzo, un po’ stanco ma con la tracotante esclamazione che di solito accompagna le cene soddisfacenti: “si però adesso andiamo che mi sono rotto il …”

Maître e cameriere sorridono, chissà se avranno sentito o se solo per mestiere. Maître che assomiglia a qualcuno e cameriere ben bravo al quale consiglierei solo un lieve rallentamento nell’esposizione dei piatti.

Il nuovo Ristorante Berton, che il precedente era al Trussardi in ambiente tanto glaciale quanto respingente, è più alla mano, elegante anche qui nella location di Porta Nuova, ma più discreto e nelle tonalità che fanno appunto eleganza senza impegno (in gergo “topone”, in italiano marrone tortora). Tavoli distanziati e un po’ di rumore quando è a tutto vapore. Toilette molto bella.
E anche qui funziona meglio se prendi il menu degustazione, disponibile anche nella versione “in brodo”, che comunque non è quello della nonna. (more…)

Dry Cocktails & Pizza – Milano

Posted in food by maurozz on gennaio 20, 2014

Mettiamoci d’accordo cosi’: tu scaldi i piatti della pizza, come si fa in quasi tutte le pizzerie, italiane e non, scalerce e non, decenti e indecenti. E una te la passo. Altrimenti la pizza si gela dopo 10 minuti scarsi.

Poi le olive te le reinventi in un modo diverso, perche’ cosi’ non ha mica molto senso, e anche questo e’ soggettivo.

Il tonno te lo lascio con il beneficio del dubbio, perche’ per quanto interessante soffre di “secchezza delle fauci”, a qualcuno puo’ piacere ma in genere sulla pizza fa materiale inerte (leggi “stoppa”).

Ma ti prego di tenere cosi’ cipolle brasate e capperi, perche’ hanno la dimensione giusta che devono avere su una pizza, ecco, questi sono indovinati. Magari, proprio per cercare il pelo, le cipolle levale dal frigo una mezz’ora prima di iniziare il servizio, tanto lo sai che vanno, sono il condimento che va di piu’.

E io ritorno, provo a non farmi fregare dalla bufala che ha inondato di liquame la pasta della pizza e spero di ritrovare nel disco la stessa semplice fragranza che ho trovato nel cornicione.

Intanto pero’ ti ringrazio molto per avermi chiamato il giorno dopo dicendomi che ti avevo lasciato la mia carta di credito.

Tagged with: ,

Pisacco, ancora – Milano

Posted in food by maurozz on dicembre 3, 2013
WP_20131119_20_17_21_Pro

Piazza Gae Aulenti

Piazza Gae Aulenti la sera con le luci e’ bella, molto bella. Ma PIazza Gae Aulenti con quel cubetto di bar insulso che spara decibel inenarrabili sarebbe da eradicare con la forza di un miliardo di sputi, cosi’, per dire. Togliamolo ‘sto coso !!

Perche’ sono stato in Piazza GA ? perche’ ero in secco anticipo, mi ero gia’ rotto abbondantemente i maroni di star seduto e ho fatto due passi prima di tornare da Pisacco. Che poi vicino hanno aperto un ristorante che si chiama Dunque. Mah.

Impressione dissimile dalla prima, giocata su venature molto meno profonde, tagli piu’ in superficie e sapori orizzontali. Ma uguale per il rumore di fondo. Fastidioso a fine serata.

La delicatezza della crema infatti ne soffre, ma la robustezza dell’hamburger Berton, che prendo al posto del dolce, soverchia i vocianti milanesi fighetti (ci sono, ci sono) lasciandomi soddisfatto e tronfio della mia scelta. Stavolta con patatine accettabili, ma comunque degne di essere sostituite.

Tagged with: , ,

Mr. Loba Loba: Andrea Berton

Posted in food, musica by maurozz on dicembre 5, 2012

(in canna da una vita, adesso che la separazione pare consumata con soddisfazione per le parti ripropongo con piacere)

“Tres Hombres” e’ un album del combo trio blues-rock ZZ Top. Data circa 1973 e l’interno della copertina dell’LP e’ uno spettacolo di colori forti in primissimo piano … cioe’ una montagna di cibo tex-mex, con birra al seguito. Nient’altro, non una scritta, niente, solo e soltanto cibo colorato, grasso e unto. Mi sono tornati in mente gli ZZ Top per una sensazione con lento e lunghissimo persistere dell’acqua al pomodoro di un piatto di Andrea Berton. Il pezzo era Brown Sugar e la nota di chitarra moriva lenta ma lenta ma proprio lenta. Il piatto invece e’ la capasanta cruda (le capesante mi perseguitano) con limone salato, noce moscata, acqua di pomodoro e sfera di ricotta. L’acqua di pomodoro e’ quasi gia’ morta mentre ti ingegni a capire come si mangia questo affare ma quando hai finito lei e’ sempre li’. Tenue. Che aspetta solo un sorso di acqua minerale per riattaccare in tutta la sua ferocia. Esagerato ? No no, riattaccava anche la chitarra. (more…)

Berton @ Eat’s Milano

Posted in food by maurozz on settembre 23, 2012

Il pane non va bene, inutili superlativi e dispregiativi, semplicemente non va bene. Pessimo ?, orribile ?, cementizio ? No, sarebbe inutile, semplicemente non va bene.

E devo dire che nemmeno l’aperitivo mi ha fatto girare la testa, pane “montato” con sopra pasta d’acciuga e uova di salmone. Ho sopportato invece stranamente bene le bollicine “della Clemente”, ma con le bollicine ho un problema di tara infantile, quindi tendo a compensare. Virando presto a un mix Panna-Sanpellegrino ho ritrovato me stesso.

Dei diversi chef noti al mondo culinario, Anrea Berton mi e’ simpatico, senza alcun motivo. Ma giusto appunto il contrario di Carlo Cracco, che invece mi resta antipatico e comunque sempre senza motivo. (more…)

Tagged with: , ,

Da Trussardi alla Scala non mi vogliono … ecco !

Posted in food by maurozz on dicembre 5, 2011

(conversazione sms, non letterale)

Allora prenotiamo per giovedi 8 ? io pago le cene e tu il vino — ma sei scema ?!! hai idea di quanto costa una cenadegu per due ? — si si, lo so — ok dai chiama tu — e’ chiuso — ma che c..zo dici ? — si perche’ e’ aperto per la prima della scala — ma non e’ il giorno prima ? — si ma sono chiusi lo stesso, sono un po’ assurdi — bon, allora cambiamo giorno, lunedi ? — ma sono aperti ? —si ho guardato il sito (orribile), dai chiama tu — non si puo’ sono chiusi perche’ e’ il primo lunedi del mese.

Cosa minkia devo fare per mangiare da Andrea Berton ???

Tagged with: , ,

Taste of Milano, demystifying demystifiers :-)

Posted in food by maurozz on settembre 28, 2010

Piove. Saranno contente le tamerici arse, ma le mie impressioni di settembre vanno in mona. Niente rugiada, niente sole, e neppure il cavallo. Piove dunque su Taste of Milano.

Le previsioni del tempo, il bel post di Suzukimaruti, i commenti informati e le acconciature rifatte l’avevano quasi spuntata, ma non ho mollato. Dopo il giro di mezzo castello (da cerebrolesi della direzione) entriamo. Ore 8.10pm circa, zero coda, ne abbiamo fatta a sufficienza in macchina. Milano, due gocce d’acqua e bla bla bla.

Ci danno il minisoprabito stile concerto, intasco e faccio il figo con cappellino sotto la pioggia. Non battente, ma sicura di se’.

Il maestro guida, con cappellino bianco in caso ci si perdesse. Lascio il gruppo e punto uno stand, un po’ di gente. Skippo al successivo, solo stand commerciali: un po’ vuoti di interesse. Skippo ancora e arrivo in fondo. Ristorante di Oldani, poco prima delle 8.30pm. Avanti.

(more…)