La Linea dell'Inutile

La Guzzina – Brugherio (MI)

Posted in food by maurozz on novembre 27, 2012

Che se lo trovi questo ristorante sei bravo …  anche se a meno di 2 km c’e tutta la scintillanza del centro commerciale che ospita (UDITE ! UDITE !) il primo apple store della storia moderna italiana. Si, apple, quelli che nel 2012 hanno inventato (dementi) un nuovo tipo di cavo per alimentare il nuovo iphone. Ma non c’entra con il ristorante.

In una cascina ristrutturata e ben nascosto trovi un posto che ha ancora un po’ da imparare nell’impostazione generale, l’ingresso sembra non volerti proprio ma alla fine, se trovi coraggio, entri.

Trovi l’ambiente un po’ troppo fresco, un servizio in notevole sofferenza forse per via di megatavolata fantozziana contemporanea e una lista vini in (completa) sofferenza perche’ in (completo) rifacimento. Dimmelo pima che io e il mio colon ci irritiamo di meno, no ?

Poi pero’ mangi e allora va meglio (pane a parte, caxxo ma e’ cosi’ difficile da capire che il pane o e’ buono o mette di cattivo umore perche’ e’ la prima roba che porti in tavola ?).

Il branzino battuto con puntarelle e colatura di alici e’ buono, anche se la sapidita’ rimane tutta in una delle tre parti, difettuccio forse, ma che non toglie punti a una esecuzione semplice e rispettosa. Puntarelle di personalita’ migliorabile.

I ravioli di merluzzo e patate con zafferano e nero di seppia hanno il grande pregio di non eccedere nell’altrimenti stucchevole zafferano ma forse avrebbero potuto risparmiarsi sul nero, che per quanto amato dalla cucina del sud copre troppo.

Il dessert al caramello salato finalmente porta anche nella testa di uno chef il concetto del dessert dolce salato; per favore esportare il concetto anche ai produttori di cioccolato che non hanno evidentemente chiaro il fatto che non tutti mangiano Ritter. Anche le pere caramellate “di contorno” sono caramellate al giusto, ne avrei risprmiate un paio di fette per un maggior equilibrio. E via quella maledette “briciole” di  cocco, meglio qualcosa di acidulo.

Vino offerto a scusarsi della cantina in debacle.

Tempo tre-quattro mesi, avranno capito alcune cose, e limato un pelino i prezzi che fanno storcere il naso per quei 5-8 euro di troppo (sei a Brugherio, mica a Central Park).

Poi si potra’ tornare.

Tagged with: ,

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Pig said, on dicembre 17, 2012 at 9:21 am

    attenderò il disgelo come suggerisci.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: